Villa Serena torino, casa di riposo con cucina interna

Sindrome metabolica: cos'è e come prevenirla

Un insieme di alterazioni fisiche che interessa 14 milioni di italiani

Pubblicato il 27/09/2019

La sindrome metabolica è un insieme di alterazioni dei fattori di rischio che possono condurre a patologie cardiovascolari ed è anche conosciuta come sindrome X. Non è quindi una vera e propria malattia, ma piuttosto chi ne soffre corre il rischio, rispetto alla media, di incorrere nell’infarto (più probabile negli uomini) e nell’ictus (per le donne). Quando parliamo di questa sindrome, dobbiamo tenere conto di alcuni parametri, sui quali valutiamo ogni caso, come l’età, il sesso o la predisposizione genetica ad alcune patologie. Questi sono fattori non modificabili, è su quelli modificabili invece che si basano possibili interventi e misure di prevenzione.

Quali sono i fattori di rischio?

Se parliamo di sindrome metabolica, devono essere presenti tre sui cinque fattori di rischio modificabili, tra cui:

- Elevata quantità di tessuto adiposo addominale (conosciuto come circonferenza della vita): sono considerati patologici, valori maggiori o uguali a 94 cm nell’uomo e 80 cm nella donna, e l’indice di massa corporea (IMC) che non dovrebbe essere superiore a 30 kg/m² (IMC che è dato dal peso in kg / l’altezza in m²);

- Basse concentrazioni ematiche di HDL (o conosciuto come colesterolo buono): deve essere meno di 50 mg/dl nella donna e meno di 40 mg/dl nell’uomo;

- Elevata concentrazione di trigliceridi: più di 150 mg/dl;

- Ipertensione arteriosa: valori superiori a 130/85 mmHg;

- Elevati livelli di glicemia: un valore a digiuno superiore a 100 mg/dl.

Dalla presenza di tre su cinque di questi fattori, si può considerare di essere più esposti a questa sindrome con la possibilità di sviluppare infarti, ictus, diabete e fegato grasso.

Le terapie per la sindrome metabolica

Le terapie variano da individuo ad individuo, soprattutto in base ai fattori di rischio presenti in ognuno, l’importante è essere seguiti da un medico che possa prescrivere la cura adatta al proprio caso. Una buona abitudine però, prima ancora di incorrere in patologie cardiache o simili, è quella della prevenzione. Sapere infatti per tempo se qualcosa nel proprio organismo non va come dovrebbe, è proprio quello che potrebbe cambiare la nostra vita. Ed è proprio con semplici esami, che si può verificare con facilità se si è in buona salute oppure a rischio. Prevenire la sindrome metabolica infatti, significa prendere per tempo e prevenire l'insorgenza di malattie cardiache, diabete e altri disturbi.

prevenire sindrome metabolica

Vivere uno stile di vita sano

Le probabilità di sviluppare la sindrome metabolica aumenta con l’aumentare dell’età ed è tendenzialmente legata a stili di vita errati. Ecco perché è importante seguire sempre un’alimentazione corretta e praticare un’attività fisica regolare, così da ridurre il peso corporeo. Ma è anche importante programmare visite di controllo, tenere sotto controllo la pressione sanguigna, il colesterolo e la glicemia e semmai correggere il proprio stile di vita. 

A Villa Serena siamo consapevoli dell’importanza di tutti questi fattori, ecco perché ci prendiamo cura di ogni aspetto quotidiano dei nostri ospiti, dalla dieta equilibrata studiata e preparata dalle nostre fantastiche cuoche, alle svariate attività giornaliere organizzate, per far mantenere uno stile di vita sano a chi ha scelto di passare un periodo della propria vita nella nostra casa di riposo ed rsa. Non dimenticarsi di questi dettagli è fondamentale per vivere meglio con se stessi.

Casa di Riposo convenzionata ASL
Non ci sono orari di visita nella nostra casa di riposo
Videochiama gratuitamente con Skype il tuo caro

Residenza Villa Serena di Perloro S.r.l. - Via Valobra, 197 - 10022 Carmagnola (Torino) - Tel.011.9723162 - P.I. 11464860011
Privacy - Cookie
Siti web Torino Mantanera
Casa di riposo Torino - Residenza per anziani Carmagnola